Il 29 Settembre 1988 – Con la missione STS-26 la NASA riprende i voli dello Space Shuttle - marcozuccardi.it

Il 29 Settembre 1988 – Con la missione STS-26 la NASA riprende i voli dello Space Shuttle


Il 29 Settembre 1988 – Con la missione STS-26 la NASA riprende i voli dello Space Shuttle, bloccati dopo il disastro del Challenger.Il disastro dello Space Shuttle Challenger avvenne la mattina del 28 gennaio 1986 alle ore 11:39 EST, quando lo Space Shuttle Challenger fu distrutto dopo 73 secondi di volo (all'inizio della missione STS-51-L, la 25ª missione del programma STS e il 10º volo del Challenger) a causa di un guasto a una guarnizione, un O-ring, nel segmento inferiore del razzo a propellente solido (Solid-fuel Rocket Booster, SRB) destro. La rottura della guarnizione provocò una fuoriuscita di fiamme dall'SRB che causò un cedimento strutturale del serbatoio esterno (External Tank, ET) contenente idrogeno e ossigeno liquidi. Alcune parti dell'orbiter come lo scomparto dell'equipaggio e molti altri frammenti furono recuperati dal fondo dell'oceano.
Il lancio fu trasmesso in diretta TV, anche se molti telespettatori lo seguirono in differita nella giornata. Christa McAuliffe sarebbe dovuta essere la prima insegnante presente in un programma spaziale e gli studenti di tutto il mondo aspettarono la trasmissione televisiva per una sua lezione di scienze trasmessa dallo spazio. I voli nello spazio con equipaggio ripresero solo dopo oltre due anni e mezzo, con il lancio dello Space Shuttle Discovery il 29 settembre 1988 e la sua missione di "Ritorno al volo" STS-26.
Il 29 Settembre 1988 – Con la missione STS-26 la NASA riprende i voli dello Space Shuttle Il 29 Settembre 1988 – Con la missione STS-26 la NASA riprende i voli dello Space Shuttle Reviewed by Marco Zuccardi on settembre 29, 2018 Rating: 5

Nessun commento:

Powered by Blogger.